LA LOTTA ALLO SPRECO È GIÀ SULLA BOCCA DI TUTTI

Danone contro lo spreco alimentare

Noi di Danone crediamo che il cibo abbia un valore, e che vada rispettato. La lotta allo spreco alimentare (food waste) è una delle aree di impatto del progetto Zero3, lanciato a maggio 2021, che esprime il nostro impegno su tre fronti: Zero Sprechi, Zero Emissioni, Zero Plastica in natura.

Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti, ma puntiamo a nuovi, ambiziosi traguardi per continuare a ridurre i fattori di impatto negativo. Ogni anno, il 30% della produzione mondiale di cibo viene sprecata lungo la filiera. Solo in Italia si sprecano annualmente alimenti per un valore di 10 miliardi di euro e che equivalgono a 13 milioni di tonnellate di CO2 immesse in natura, in un contesto sociale in cui 1,5 milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta1.

Spreco che genera altro spreco, in un sistema insostenibile dal punto di vista ambientale, sociale, economico ed etico. Per progettare una nuova filiera del cibo non si può prescindere da questi quattro pilastri interconnessi, che da oltre 50 anni guidano l’impegno di Danone per la sostenibilità. È quindi necessario pensare a un’economia circolare in grado di rigenerare i sistemi naturali e di redistribuire i prodotti in eccesso, per raggiungere un punto di equilibrio in cui la salute delle persone e quella del pianeta siano bilanciate.

Per ridurre lo spreco e la povertà alimentare, fino ad azzerarli, bisogna collaborare a tutti i livelli lungo la filiera, in un’ottica di contributo corale. Da questa consapevolezza nasce il progetto Best Before Date (da consumarsi preferibilmente entro), un approccio innovativo alla determinazione della data di scadenza, che punta a restituire valore agli alimenti e a coinvolgere i consumatori nella lotta allo spreco.

Preferibilmente entro: la rivoluzione delle etichette

A maggio 2022, abbiamo introdotto una variazione importante sulle confezioni di quasi tutti i prodotti Danone: la dicitura "consumarsi entro" è diventata

DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO

Un semplice avverbio, “preferibilmente”, può fare la differenza e inaugurare un nuovo paradigma di consumo. Infatti il termine minimo di conservazione (TMC), entro il quale si consiglia preferibilmente di consumare il prodotto, indica che da quella data l’alimento potrebbe iniziare a perdere alcune proprietà organolettiche (gusto, profumo, fragranza). Se viene conservato in modo corretto, può però essere mangiato senza alcun rischio nei giorni successivi, dopo averlo testato con i propri sensi, guardando, annusando, assaggiando.

Questo progetto risponde all’esigenza di ridurre lo spreco di alimenti che, nella maggior parte dei casi, vengono buttati via quando sono ancora buoni. La data di scadenza tradizionale, infatti, non è l’indicatore più adatto per categorie come gli yogurt e i latti fermentati. Ad esempio, la naturale acidità dello yogurt lo preserva dal deterioramento, mantenendo a lungo il suo sapore e il suo valore nutrizionale.

Best Before Date è quindi anche un nuovo modo di dialogare con i consumatori, che sono chiamati a sviluppare una maggiore consapevolezza sul valore dei prodotti e a essere protagonisti nella lotta allo spreco con delle etichette parlanti:

DOPO QUESTA DATA POTREI ESSERE ANCORA BUONO.

ASSAGGIAMI, RIDUCIAMO INSIEME GLI SPRECHI!

Facciamo rete

L’attivismo delle persone che ci scelgono è uno stimolo costante a offrire prodotti in linea con la nuova consapevolezza verso i temi di sostenibilità ambientale e sociale. In quanto B Corp e Società Benefit, ci impegniamo per coinvolgere le persone ancora di più, per mantenere vivo il circolo virtuoso e rafforzare il messaggio che siamo tutti parte attiva del cambiamento. Produttori, distributori e consumatori, insieme.

E lo spirito di Best Before Date è proprio questo: fare rete contro lo spreco e la povertà alimentare, e portare un cambiamento positivo lungo tutta la filiera. I produttori e i distributori hanno la responsabilità di orientare le abitudini di consumo e sensibilizzare i consumatori, che a loro volta assumono un ruolo centrale nel ridurre gli sprechi. Anche i Danoners si fanno portavoce di questi valori nella vita di tutti i giorni, diventando degli ambassador della lotta contro lo spreco alimentare e mettendo in atto dei comportamenti virtuosi per ridurlo.

Activia è il brand di punta nella comunicazione di Best Before Date nei punti vendita. Con la campagna La lotta allo spreco è già sulla bocca di tutti vuole attirare l’attenzione sul tema dello spreco alimentare e stimolare il dialogo.

Sulle etichette e oltre

Oltre al termine minimo di conservazione, abbiamo introdotto sulle confezioni dei nostri prodotti informazioni utili per lo smaltimento delle stesse.

Nell’ambito del progetto Zero3, avvieremo un monitoraggio dei benefici del nuovo approccio alle date di scadenza in termini di impatti ambientali e riduzione degli sprechi.

Inoltre, i punti vendita potranno mantenere i prodotti a banco fino alla data riportata sulle confezioni, e per noi sarà possibile donarli sulla filiera della solidarietà anche dopo il termine minimo di conservazione. Da oltre dieci anni Danone collabora con Banco Alimentare per dare nuova vita alle eccedenze, e con il progetto Best Before Date rafforza il suo contributo per contrastare le disuguaglianze sociali e la povertà alimentare.

Alimentazione sostenibile… da ascoltare!

Durante il mese di maggio, non perderti il nostro podcast in quattro puntate per scoprire, insieme ai nostri Danoners e ad alcuni esperti, che l’alimentazione sostenibile non riguarda solo quello che mangiamo, ma anche quando lo mangiamo e come lo scegliamo al momento dell’acquisto.

Pianificare la spesa con un occhio alle scadenze, conservare il cibo in modo corretto, svuotare il frigo dagli alimenti in scadenza con ricette semplici e sfiziose: buone pratiche e piccoli gesti per fare, anche noi, la nostra parte nella lotta allo spreco!

Ascolta il podcast

WOW facts per risparmiare

Episodio 1

 

Pianificazione della spesa: attenzione al risparmio ma senza penalizzare il contenuto nutrizionale.

Come leggere le etichette

Episodio 2

 

Come fare la spesa e come leggere le etichette

Scadenze dei cibi: mito o realtà? Una maggiore consapevolezza ci aiuta nel momento dell’acquisto e del consumo.


Fonti:

  1. Garrone, Melacini, Perego, Surplus food management Against food waste, 2015 (dal documento DAN_Zero3_Brochure_SinglePage_Low).